Ehi! Non mi piace quello che scrivi!

Questo blog può contenere testi a tema DI SATIRA o di semplice CRITICA COSTRUTTIVA CON DELLE PROVE PALPABILI. Tutti quelli che hanno in bocca "diffamazione" possono stare fuori alla porta. Grazie!

lunedì 22 febbraio 2016

Io ed i Videogiochi: Ride To Hell Retribution

BUON 2016!
Come dite? E' tardi per fare gli auguri di buon anno?

Lasciamo giudicare il grattugiamele in tal argomento...

In fondo ve l'avevo detto che poteva solo passare tempo, ma dopo una varia serie di risalti e problemi, una mezza influenza ed una sciatica, sono ancora qui.
Non posso evitare di parlarvi di come nel corso di questi giorni ho preso a giocare a vari titoli, e questi possono essere di diversa qualità. Buoni, cattivi, pessimi ed assolute merde senza alcuna speranza di riuscita in qualsiasi tipo di punto di vista.
Questi titoli possono essere rari. Questi titoli non hanno nessuna speranza di piacere in qualsiasi categoria. Cascano sui livelli di E.T. per Atari 2600 se non addirittura peggio.

Così un giorno scorro la lista dei giochi che ho su Steam e vedo questo particolare titolo chiamato Ride To Hell: Retribution. Non c'è più nel negozio di Steam e sporadicamente lo si trova per Xbox 360, senza DLC.

La premessa del gioco è questa:

- Bikers
- Mondo aperto
- MOTOH
- Azione e scazzottamenti
- Scazzottamenti e azione
. MOTOH

Insomma quel che doveva essere un GTA-Rip off, ma a tema Bikers. Qualcosa che più o meno ho visto in una DLC di GTA 4, anche se era solamente "in parte" l'esperienza che definisce quella che pare la vita del Biker americano medio. Poi vabbè, son videogiochi, son media, Magari Ride To Hell avrà qualcosa di più crudo e serio da raccontare.

Mmm. "Crudo" e "Serio". Definiamo magari Sodo.

Nota: Come al solito spoilero una buona parte del gioco, ma non preoccupatevi, fa tutto schifo.

Andiamo perfettamente per gradi. Questo gioco gira sul motore di Unreal 3, il che è già qualcosa.
Avviato il gioco, ci viene presentato un menù sparato così a sputo. Nah ok, mi sta bene, sapete com'è: molti giochi moderni al giorno d'oggi tendono ad avere mille introduzioni. FATTO DA QUESTI TIZI! CONSIGLIAMO QUESTA MARCA! FATTO ANCHE DA QUESTI TIZI! No no. Ride To Hell è bello rapido ad arrivare al menù. Non ricordo nemmeno se ha una fila di testo che indica chi ha fatto il gioco prima d'aprire il menù.

Bello io che ho preso il gioco con tutta la DLC: il divertimento è completo.

Andiamo a farci la campagna, in difficoltà normale. Sono un Biker normale, baby, cavalco le strade roventi sul mio Chopper a velocità intermedie.

E così il gioco parte. Male. Immediatamente noto come nonostante ho una scheda video Geforce 980GTX, delle RAM a 1800 ed un HDD secondario da 7200RPM...il gioco singhiozza. Per spiegare il termine: i fotogrammi sono inconsistenti, da 30 a 20. Per spiegare la mia incazzatura: il gioco va a scatti. Scatti molto rapidi, ma pur sempre scatti.

Ride to hell è un gioco del 2013.

Oh beh, sarà un brutto Port. Non giudichiamolo da questi problemi di Perfomance. Moooving oon.

L'introduzione del gioco è attualmente il tutorial. CON ISTRUZIONI QUASI NULLE. Tutto il tutorial è fatto di Flashbacks, nel mentre il nostro protagonista sta viaggiando su una moto. Il tutorial è composto da qualche scazzottatura basato su un quicktime event ed una sparatoria. Bene, uh...eccetto che nel tutorial un tipo decide di correre troppo a sinistra, ed io sto usando una torretta...e non posso staccarmi dalla torretta perché il gioco mi ci ha incollato.

Rimango così per un buon 5 minuti. Poi il gioco decide che Jake (il protagonista) sta probabilmente avendo un aneurisma e che i suoi ricordi sono incorretti, e mi lascia perciò andare direttamente all'inizio della storia.

Perché a Jake piacciono le belle fiabe, vero Jake?

Jake è un veterano del Vietnam che torna a casa. Già marysuato a dovere, arriva come una montagna di muscoli a casa di parenti stretti. Li trova lo Zio Mack e il fratello Mikey, il quale è un ammischio fra uno stecchino ed una giraffa. 

"Sembri un sacco di merda!" dice lo Zio. "E' perché mi sento come un sacco di merda!" disse Jake. Se c'è una cosa che bisogna adorare in questo gioco è l'aroma l'atmosfera di famiglia che questo gioco protrae verso di noi. Il termine classico è ricondotto anche più avanti! Jake così inizia la sua vita in famiglia, e come in una classica Sitcom Mikey fa la parte del fratellino rompipalle che si sente grande e grosso e può andare dove vuole e infatti scappa di casa a bordo della sua moto. Mack bofonchia qualche assurdità da vecchio biker con un pelo di barba di troppo e consiglia a Jake d'andare a recuperare il giovane ribelle.

Ecco che ci troviamo nella primissima, totally legit mission. Jake deve raggiungere Mikey prima che sparisca e decida di diventare un emo su due ruote. Cominciamo col dire che il modo in cui si guida la modo è incredibilmente nonsensicale. Si accelera con SPAZIO. Con SPAZIO. Almeno ha senso che la slittata si fa con Maiusc, almeno è lì vicino. Ma se s'accelera con spazio, che cosa fa W? 
W è per il Nitro.
PERCHE' NON SETTARE SPAZIO PER IL NITRO? 

Ma vediamo di non complicarci troppo le cose per un fattore di tasti. Parliamo della difficoltà della prima missione: in questo gioco se sbatti contro qualcosa mentre sei a bordo della moto (il quale non si può fermare, è come sui binari, anche se non si accelera comunque tira avanti da sola) venite resettati più indietro. Nel frattempo però tutto continua, così come anche Mikey che corre via.
Per farla breve: se andate a sbattere, non solo vi ritroverete più indietro, ma perderete quasi sicuramente la missione a meno che non sappiate fare un ottimo gioco con il Nitro e qualche decente botta di culo.

Jake raggiunge Mikey. Mikey ha la sua crisi isterica, ma Jake decide di portarlo comunque in città. Vi ho detto che Mack ha avvisato entrambi che andare in giro è pericoloso? No? Ok. Fate caso che Mack ha detto in presenza di entrambi che la zona brulica di Gangs che non hanno un cazzo da fare dalla mattina alla sera, perciò sparano alla gente.

Ma Jake è un veterano di guerra, vi direte. E' una montagna di muscoli. Può far contento Mikey e magari far incazzare qualche membro delle gang rivali ed iniziare una lunga serie di missioni!

Jake decide di mettersi a parlare con Mikey su un marciapiede d'una zona buia della città.
Jake poi decide che, dopo aver chiesto a Mikey se ha una ragazza (La sua risposta: NEEEH!) o se vuole portare a casa chi gli sta insegnando un pezzo di linguaggio al giorno (La sua risposta: E' come una sorella per me!) decide che è bene lasciare lì Mikey mentre va a procurarsi due hamburgers. 

LO LASCIA SOLO PUR SAPENDO CHE E' DEFICIENTE E LA ZONA E' PERICOLOSA!


Ammettiamolo: chi non lo lasciava solo? 

Ovviamente, a quel punto Mikey viene confrontato con un gruppo di cattivoni. Uno di loro dice che gli taglia le orecchie perché i "Vitelli fanno ridere quando strillano che gli hai tagliato le orecchie". Sembra quasi che nessuno di loro ha mai considerato di registrare il suono ed ascoltare all'infinito, perciò Mikey è nella merda fino al collo (e non è molto un problema perché il suo collo è comicamente lungo ed elastico).

Jake arriva, dicendo che "ha gli hamburgers" e se ne vanno. Uno di loro vede la giacca di Mikey e s'inalbera come un tricheco che ha visto una trota, urlando "Fermo, cos'è quella giacca?!". Immediatamente dopo abbiamo la missione dove stiamo scappando dai tipacci.

Mikey è con noi, sulla nostra moto.

C-che fine ha fatto la moto di Mikey? Perché è sul sellino con Jake? Ma questo qui è così incapace che va perdendo le moto ogni volta che esce? MIKEY?!

L'inseguimento inserisce la presenza dei combattimento a bordo di moto. Che è su Quick time event. E' ripetuto alla nausea durante tutto il gioco, fa cagare, e la variante con le armi da fuoco è scassatissima. In questa missione è facile che vedrete uno dei membri saltare in aria, raggiungere il cielo e toccare di nuovo la strada in un singolo secondo, perché il suo percorso è stato programmato su rotaie MALATE.

Sia quel che sia, saremo costretti a fermarci. I membri della gang fermano Jake, il quale è incapace di ribellarsi propriamente (per motivi più che giusti) acchiappano Mikey e gli chiedono da dove ha preso la giacca. Inizialmente non vuole parlare, poi gli rompono il naso ed immediatamente gli racconta la storia della sua vita. La giacca è di suo padre, di cognome Conway. Credo.

" "TOLEDO" CONWAY?" dice uno di loro. Sì perché sapendo l'identità di questa persona attraverso il soprannome, non potevano manco guardare il tesserino della giacca che riporta questo soprannome. Proprio così gente: non sanno nemmeno leggere. Ma tanto sono due minuti d'interrogazione, perché decidono di tagliare la gola a Mikey immediatamente e sparare allo stomaco Jake con una fucilata.

Jake torna a casa e decide che è il momento della vendetta!

RUUUURGHH! JAKE SPACCA

Ora potrei stare qui a raccontarvi tutta la storia e rendere questo post chilometrico, ma vediamo di tagliare alcune parti se vogliamo almeno arrivare a leggere il tutto alla fine della nostra esistenza.
Jake va direttamente alla prossima missione. Deve far vedere che sa sparare se vuole avere una pistola (a tamburo, una fesseria) e va a cercarsi un pelatone, il primo boss. 
Ricordate le regolette impossibili del gioco? Anche qui s'applicano. Sparare è difficile, ma con la giusta prontezza mentale arriverete a fare colpi in testa ripetutamente. Perché è assolutamente necessario. Molti nemici se non tutti sono degli assurdi bullet sponges e perciò per ucciderli bisogna scaricar loro addosso quantità incredibili di proiettili. Sparare in testa è quasi garantito d'ucciderli in un colpo solo.

Ogni nemico lascia una quantità di denaro e droga. Cool. Questo spiega a cosa aspiravano quelli della Deep Silver che hanno tirato fuori quest'aborto.

Quando non siete in moto o in un QTE forzato, potete combattere in due modi: corpo a corpo o con un arma da fuoco. Potete possedere un'arma corpo a corpo e due da fuoco, oltre che un'arma "speciale" il quale solitamente sono granate, molotov ect...e fin qui mi pare giusto. Anche se all'inizio è INGIUSTO per i bullet sponges, ma ok, se siete bravi vi ritroverete con così tanto denaro che potete permettervi le armi migliori immediatamente e con tutte le munizioni che volete. Lo sapete che le munizioni sono per categoria (Ergo le munizioni della pistola a tamburo più fessa vanno anche per la pistola più potente) ma il gioco non si disturba d'avvisarvi che avete preso quelle munizioni? Attualmente lo fa solamente se avete la stessa identica arma. Oh beh. Niente di brutto.

Ma parliamo del combattimento. Il tutto è gestito come i vari Batman "Arkham", con counters che potete attivare immediatamente e...beh questo è più o meno tutto. Il resto è spazzatura: a volte basta spammare l'attacco su un nemico per fare già molti danni, e se decide di chiudersi a guscio con la difesa (Perché spesso fanno così, dopo 3-4 attacchi si mettono a bloccare e non prendono danni, e non si staccheranno mai finché non ti dimentichi di loro) tanto vale dedicarsi al prossimo avversario.
Ma sapete che potete attualmente tirare un calcio a quelli che stanno in difesa, provocando comunque danni a loro? E che questa mossa vi sposta attualmente d'un paio di metri per calcio?

Ottimo, ed è questo ciò che ho fatto: in quasi ogni lotta corpo a corpo ho SOLAMENTE usato calci, perché è la mossa perfetta: non si può evitare, non si può bloccare, è veloce da eseguire e non si smette mai. Guardatene un ottimo esempio qui.

Delle volte ci sarà permesso di fare un esecuzione, nel quale Jake tirerà fuori il suo maschilissimo urlo (RUUURGHHH!) e darà il via ad un QTE con il quale uccideremo immediatamente l'avversario. Di regola ogni arma ha la sua esecuzione, ma poi scopriremo che molte esecuzioni sono copypastate (Chiave inglese / Martello = Esecuzione uguale) così come le esecuzioni ambientali, ovvero mosse che possiamo fare solo una volta in prossimità di certi oggetti o mobili (anche questi copypastati come se non ci fosse un domani).

Degli scontri a fuoco abbiamo già parlato, e su questo fattore i nostri nemici possono essere incredibilmente deficienti oppure talmente letali da rendere impossibile anche fare un singolo passo. Negli scontri a fuoco possiamo coprirci dietro ad un oggetto, ed almeno questo sembra funzionare. Guai a voi però se vi capiterà anche un singolo nemico armato di dinamite, granate o molotov. 

Quelli sono incredibilmente rotti.

Rotti in un gioco rotto...huh, ha senso.

Il punto è, quando noi dobbiamo lanciare una granata abbiamo un comodo reticolo con il quale prendere la mira, compreso un calcolo dei probabili rimbalzi. A volte i rimbalzi non funzionano e la granata s'attacca a qualcosa, ma va bene. Va bene. Il nostro unico limite è la visiva. Ed ecco il problema: molte volte i nemici muniti di dinamite o granate infinite vengono posti in una condizione che rende loro delle AQUILE. Una volta ho sperimentato in una mappa, uccidendo tutti TRANNE il tizio con la dinamite, e sono scappato all'inizio del livello. Vedevo queste stecche di dinamite partire da lontano lontano, salire sempre più in alto e ricadermi ai piedi come se fossero proiettili d'un MORTAIO. 

Questo non fa di me un Jake felice.

Da questo capirete che alcuni livelli sono scassati. Sì, beh, LO SONO. Ci sono certi eventi legati alla vostra presenza in un luogo e potete benissimo saltarli, ed in un particolare livello vi viene chiusa la porta alle vostre spalle...con l'evento chiave ancora inattivo rimasto dietro di voi. Inutile dire che se non scatta quell'evento chiave il livello non si conclude. 

Ok, andiamo avanti! Finita questa missione acchiapperete uno dei mini boss, un pelatone, lo ammazzate ed ora Jake ha accesso all'Hub world nel quale può comprare armi, vendere droga, modificare la sua moto e sparare ai civili.

Sì, esatto: ricordate quando vi ho parlato delle premesse di questo gioco? Scrollate di nuovo su.

Ora che siete tornati qui, vediamo un po' di cosa stiamo parlando.

Bikers? Ci sono. A fattor di fatto il gioco nella sua forma più giovane prometteva l'organizzazione d'una "crew" ma questa è completamente assente nel gioco completo. 

Mondo aperto? Se considerate un Hub con dei livelli selezionabili un mondo aperto alla GTA, allora siete vissuti solamente in una stanza chiusa per tutta la vostra vita. Non capisco come hanno fatto questi della Deep Silver...o meglio, della Eutechnyx (sono gli sviluppatori) a pensare che una cosa del genere è un mondo aperto. Cosa buffa: durante un intervista, anni prima del rilascio del gioco, viene fatto vedere del footage del gioco. Ed è effettivamente un mondo aperto, con tanto d'incontri, mappa, e...ma che fine ha fatto quel "Ride to Hell"? L'unica copia del gioco è finita in una pozza d'acido durante un incendio d'una fabbrica di fuochi d'artificio situato in un vulcano? E' come se parlassimo di Resident Evil 1.5 - un gioco praticamente completo ma cestinato. 
Insomma, questo non è un mondo aperto. MOOOVING OOON.

MOTOH? Inizialmente pare che non ci sono, ma in realtà ci sono eccome. Ogni tanto ci viene mollata una moto nuova e dei pezzi per personalizzarla, e con la DLC possiamo avere accesso ad una moto bonus. Ogni moto ha il suo scopo nella vita: essere uguale a tutte le altre. Esatto. Non vi è alcuna differenza. RUUUURGHH!

Il minatore Jake non approva questo messaggio.

Dell'azione e scazzottamenti abbiamo già parlato: fa schifo, è sbilanciato. Almeno possiamo sparare alla gente che decide d'assalirci con mazze e martelli, così da saltare interi combattimenti. Sì, al gioco non importa se decidiamo di far saltare tutti in aria nonostante sono disarmati.

C'è da dire altro? Eccome se c'è. Prendete pure la vostra missione e datevi da fare per abbattere i prossimi 100 nemici in combattimenti praticamente identici. E soprattutto, scopate la prima donna di turno!

Che?

Durante il gioco troverete facilmente una donna in difficoltà o in pericolo. Abbattendo i suoi problemi (letteralmente, il vostro scopo è quello di spaccare la testa di qualche delinquente a caso) riceverete una scena di puro sesso selvaggio....stando completamente vestiti. E' come se non sapevano cambiare i vestiti dei personaggi o, peggio, volevano tenere un rating meno adulto ma allo stesso tempo volevano tenere scene di sesso. Non si capisce che razza di senso volevano dare a quest'intermezzi, così come tutto il resto del gioco. E anche questi sono copypastati. 

Oltre che essere un pessimo gioco su tutti i fronti, è anche misogino. # Triggered!

Durante le nostre missioni non solo avremo l'interesse di distruggere i membri della banda che ha ucciso Mikey, ma anche di scoprire perché. E la storia da questo punto prende un sacco di sfaccendature, a volte prendendo una direzione e a volte decidendo per l'altra. E' inconsistente, priva di colpi di scena e rompipalle come tutto il resto del gioco.

E poi i membri di questa banda potevano scegliersi nomi che incutono timore.

E' un "membro"...poco ma sicuro.

Sarò onesto, c'è chi si chiama Meathook, Sheriff, insomma sono almeno decenti. Usatissimi, ma decenti. Poi abbiamo quelli completamente sballati di testa che tagliano peni alla gente e ne fanno collezione e quello che usa una motosega a due lame come ultima possibile arma per confrontare Jake. 

Il gioco tenta di variare ogni tanto. Oh, se ci tenta: ci butta in una miniera, varia gli inseguimenti, ci fa fare delle corse e cercare robe. Tutti rimasugli di quel che doveva essere Ride To Hell, il quale probabilmente poteva far schifo lo stesso senza dubbio.

La nostra fila di vendette continuerà se abbiamo pazienza nel continuare il gioco. Questo almeno finché Jake non si ritroverà con Mack impiccato e la sorella spirituale/fidanzata di Mikey che è stata rapita. Jake ha una crisi esistenziale, poi torna a sparare urlacci e corre a confrontare il boss finale. Il quale è risibile, e lo scontro finale è pieno di bullet sponges e gente con armi potenti e con lanciarazzi ed è tutto cheap impossibile e complicato.

Ma io l'ho passato.
La gente ha detto che è impossibile. Io l'ho passato. Dopo essere morto tante, tante volte. Sono arrivato alla fine, Jake lascia la moto in mano alla ragazza, Jake salta sulla moto del cattivone, lo fa cadere sotto ad un burrone ed è tutto contento, la ragazza per qualche motivo sa guidare una moto ma poi Jake decide di portarsela in braccio ed il gioco finisce lì.

Sto scrivendo come un decerebrato perché i ricordi di tali eventi mi rendono un Jake.

Brrlbl.

Dicevamo?

Ah, poi c'è la DLC eh! Con il suo bel nome: Cook. Mmm, la cucina dei Bikers.

A differenza del resto delle missioni normali, Cook cerca di farci intraprendere delle missioni un po' diverse, con effetti anche nuovi. PIOVE. Esatto. PIOVE. Ed il gioco si caga sotto quando piove. Già prima era una tortura...ma visto che è venuto dopo, magari questa DLC può essere migliore di...

N-non lo è.

Attualmente la DLC ha missioni ancora più scassate del gioco stesso. Da come potete vedere qui, è possibile che una delle missioni parte completamente al di fuori della mappa. 

Sigh.

Non so cos'altro potrei dire su questo gioco. E' il più grande disastro che ho mai visto nel Gaming. Big Rigs almeno è più piccolo, immediato: ha quattro percorsi, fa schifo, punto. Ma questo è un gioco di grande dimensioni, con doppiaggi, personaggi, missioni...e sono tutte sbagliate.

Queste sono 12 ore della mia vita che non riavrò mai più indietro. 12 ore nel quale ho ripetuto mosse, visto errori, ripetuto missioni per questi errori...e per cosa?

Per vedere quanto profonda può essere la tana del Jakeniglio.

E credetemi, è molto profonda. Ed è buia, umida, e terribilmente puzzolente.

Ride To Hell Retribution è un cadavere che è stato lasciato al sole durante il 2008, l'anno nel quale il progetto è stato cancellato, e poi hanno cercato di rimettere in piedi cercando di convincere la gente che il progetto non è mai morto...nel 2013. 5 anni dopo.

"E' evidente che il gioco non può piacere a tutti" diceva la Deep Silver. E' evidente che questo gioco non può piacere a nessuno. Nemmeno per un "So bad it's good" no. Quello è Big Rigs, di nuovo. Quello è E.T.

Ma questo? Questo è Ride To Hell Retribution. E' una fenomenale cagata che va seppellita in un luogo molto lontano dove nessuno potrà mai più metterci mano.

E' una fenomenale, fumante cagata che rimarrà nei miei ricordi e nella mia libreria di Steam.

Ride To Hell è esattamente quel che dice il titolo, un viaggio infernale.

Un giorno potrei riprendere l'esperienza, per tutta la gioia di Youtube, ma al giorno d'oggi nient'altro mi rimane che avere flashbacks improvvisi sulle sofferenze che questo gioco può dare.

Sono Senseless, e questo è stato Io ed i Videogiochi. Buona giornata.