Ehi! Non mi piace quello che scrivi!

Questo blog può contenere testi a tema DI SATIRA o di semplice CRITICA COSTRUTTIVA CON DELLE PROVE PALPABILI. Tutti quelli che hanno in bocca "diffamazione" possono stare fuori alla porta. Grazie!

venerdì 14 febbraio 2014

Io ed i Videogiochi: Little Inferno

E' praticamente passato un mese, ma torno qui per scrivere ancora qualcosa. In quest'ambito mi va di dire che ho finito da un po' la serie Postal 2 Complete sul mio canale, perciò se volete siete il benvenuti a darci un'occhiata! E per fortuna (o sfortuna) vostra ho iniziato a guardare le campagne aggiuntive di Cry of Fear, giusto per mettere la ciliegina sulla torta di quel titolo.

Ed eccomi qui, alla fine di S.Valentino: cosa mai può venire voglia ad un mezzo nerd scapolo come me, durante un giorno del genere fermamente odiato da ogni single del mondo (o se volete, da poveri spiantati che dovranno spendere 50 euro per la ragazza minimo se non di più)?

Bruciare cose naturalmente.
Distruggerle.
Vederle morire, crepare, annientarsi fra le ceneri.
O perlomeno, usare Little Inferno per immaginarsi un mondo finire nelle fiamme, per la felicità di tanti!

E la sua, apparentemente.
Ma cosa cacchio è Little Inferno?
E' uno di quei piccoli giochini Indie dove tutto quello che dovete fare è mettere roba nel caminetto da bruciare. Roba varia ed eventuale. Ma non è solo bruciare, è anche combinare: un pirata su una bici ad esempio è una combo che vi fa ottenere qualcosa in più e la possibilità di prendere l'altro catalogo con il quale comprare altri oggetti. Oggetti da bruciare.
Il gioco ha un sottile ironia, ma questa s'incentra molto verso la fine del gioco. Non posso dirvi nulla sul finale del gioco, non volendo spoilerare oh ma che diavolo il gioco l'ho comprato e perciò ne dico ciò che mi pare. Perciò fate attenzione alla bella SPOILERATA IN ARRIVO.

Alla fine del gioco si esce dalla prigionia di casa propria, visto che si è bloccati moralmente dall'abbandonare il caminetto. 
Morale della storia, anche se sottintesa: Esci di casa che la vita è bella. Non sprecarla a guardare uno schermo.

FUCK YEAH SAGGEZZA.

Insomma quello è il punto. Oh, può essere corto, può essere scocciante, ma ha la sua lezione morale. 10+ senza manco metterci il pollo.
In più ho conservato il cuore di cartone (inutilmente) per tutto il gioco perché sono un fottuto sentimentalista senza alcuna speranza.

E questo è tutto.
E no, no.
Niente auguri di San Valentino, ho aspettato che finisse apposta!
AH AH AH OH OH 
Prima che sparisco per un'altra quantità di tempo indefinito vi voglio avvisare d'una faccenda: ricordate i miei vecchi disegni che postavo intorno al 2011 in questo blog? Quelli schifidi in Paint? Se tanto vi va, potete vedere quelli e molti altri ancora nel mio Tumblr Brutti Disegni. Perché sono davvero brutti brutti eh.

Nel frattempo, non mi rimane che darvi la buonanotte e alla prossima!